Guida Accompagnata

image_pdfimage_print
 GUIDA ACCOMPAGNATA-TARIFFE IN VIGORE
Dal 21 aprile 2012 è entrata in vigore la cosiddetta “Guida Accompagnata”: chi ha compiuto 17 anni e possiede la patente A1 o  B1 potrà iniziare ad esercitarsi alla guida di autoveicoli, per sostenere, una volta raggiunta la maggiore età, l’esame di guida per il conseguimento della patente “B”. I requisiti che occorrono sono: il possesso di Patente “A1” valida e pulita (non ci devono essere sanzioni accessorie come ad esempio sospensioni); aver compiuto 17 anni; aver frequentato un corso di formazione di almeno 10 ore di guida presso un’autoscuola, di cui 4 in autostrada o strada extraurbana, e 2 in condizioni di visibilità notturna.
Sono previste 3 fasi:
1 – Il genitore presenta alla Motorizzazione domanda su apposito modulo, allegando 2 versamenti (ccp 9001 di € 9,00, ccp 4028 di € 29,94), dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà comprovante la qualità di genitore ovvero di legale rappresentante del minore, fotocopia documento di identità del dichiarante , se il minore ha necessità di dispositivi di adattamento del veicolo (handicap) occorre un certificato della Commissione Medica Locale. La Motorizzazione rilascerà una ricevuta, da consegnare alla autoscuola:
2 – L’autoscuola dopo l’effettuazione delle 10 ore di guida obbligatorie rilascerà un attestato di frequenza e l’originale del libretto delle esercitazioni di guida;
3 – Il genitore presenterà alla Motorizzazione i documenti ricevuti dall’autoscuola ed indicherà l’elenco degli accompagnatori designati (massimo 3).
L’autorizzazione, rilasciata dagli uffici della Motorizzazione, ha validità sino alla scadenza della patente A, e comunque non oltre il compimento del 18 anno di vita del candidato, e consente al minore di esercitarsi alla guida avendo al suo fianco uno degli accompagnatori designati, che devono avere un’età non superiore a sessanta anni ed essere titolari da almeno dieci anni di patente B o superiore. Sull’autoveicolo nel quale verranno effettuate le esercitazioni di guida dovrà essere apposto il contrassegno “GA”.
Al compimento del diciottesimo anno, il candidato potrà richiedere il foglio rosa per il conseguimento della patente B e non avrà più l’obbligo di aspettare un mese prima di effettuare l’esame pratico. Le ore di corso pratico svolte restano valide (non devono essere rifatte) anche per la patente B, se si richiede di conseguire la patente entro 6 mesi dal compimento della maggior età (ci sarà infatti l’obbligo di fare esercitazioni di guida notturne e su autostrade, anche per gli aspiranti candidati alla patente B).
10 ore di guida obbligatoria con rilascio attestato e libretto guide € 250,00
Eventuali guide da 45 minuti aggiuntive a quelle obbligatorie (facoltative) € 19,00
Istanza per richiedere la “guida accompagnata” fase 1 e 3 comprensiva dei versamenti  (facoltativa) € 80,00
Autovetture a disposizione degli allievi: FIAT PANDA CLIMATIZZATA BIANCA, FIAT PANDA CLIMATIZZATA BLEU
 Iniziativa porta un amico in autoscuola e avrete entrambi una guida GRATIS !!
ANCHE A RATE!!!!!! E’ possibile finanziarie l’intera spesa. Chiedi un prospetto in agenzia. (Salvo approvazione della finanziaria) 
Ai prezzi va aggiunta l’IVA e l’arrotondamento all’euro superiore (a partire dal 01.01.2020).

Articoli recenti

ANCHE LE AUTOSCUOLE SONO SOGGETTE AD IVA ! (MA DAL 01/01/2020)

image_pdfimage_print

Caos patenti, l’Europa impone l’Iva

Fino a inizio settembre per l’Italia e il fisco nostrano erano scuole, e quindi esenti da Iva. Dal 2 settembre invece, data della risoluzione 79 dell’Agenzia delle Entrate, non è più così e quindi anche le scuole guida dovranno incassare e versare l’Iva, al 22%. Motivo, la sentenza della Corte di Giustizia Europea, in risposta al ricorso presentato da un’autoscuole tedesca. Una vera e propria stangata, che ha già costretto le agenzie italiane a rivedere i prezzi per far fronte alla tassa, con costi in aumento quindi per tutti coloro che si iscrivono per fare una patente.

Iva retroattiva fino al 2014

La stangata non riguarderà solo i neoiscritti e chi dovrà fare il rinnovo della patente. L’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che le scuole guida dovranno versare l’Iva arretrata fino al 2014, relativa a tutte le patenti e i corsi effettuati. E qui si aprono due strade: o andare a bussare ai cittadini per recuperare le somme o obbligare le scuole guida a versare di tasca propria l’Iva non riscossa (e nemmeno richiesta dall’Agenzia delle Entrate) negli ultimi 5 anni. Somme vertiginose: l’Unasca, una delle associazioni di categoria del settore, ha stimato i costi in almeno 110mila euro a scuola guida, che porterebbero al collasso l’intero settore.

  1. SELEZIONI CHIUSE – CERCHIAMO PERSONALE !! Lascia una risposta
  2. Patenti low cost: occhio alla fregatura Lascia una risposta
  3. Sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi Lascia una risposta
  4. FALSO SITO INTERNET PER LA VERIFICA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE R.C. AUTO Lascia una risposta
  5. INDAGINE SULLE POLIZZE ABBINATE AI FINANZIAMENTI PER L’ACQUISTO DI AUTOVEICOLI Lascia una risposta
  6. E’ ora di cambiare l’Amministratore di condominio ? Lascia una risposta
  7. Riapriamo con lo sconto ! Patenti A1 e B in promo sino al 15 settembre Lascia una risposta
  8. Chiusura per ferie anno 2017 Lascia una risposta
  9. Bonus ristrutturazione anche per chi non ha redditi Lascia una risposta