C.A.P.

image_pdfimage_print
  C.A.P.   
CERTIFICATO ABILITAZIONE PROFESSIONALE
Il Certificato di Abilitazione Professionale è una estensione della patente che consente la guida di veicoli adibiti a servizio pubblico di piazza, di linea e di noleggio con conducente. Esistono due tipi di CAP:
– tipo A     consente il servizio pubblico di piazza o di noleggio con conducente per veicoli condotti con patente A. Età minima per il conseguimento anni 21;
– tipo B      consente il servizio pubblico di piazza o di noleggio con conducente per veicoli condotti con patente B. Età minima per il conseguimento anni 21;
TARIFFE IN VIGORE
– Iscrizione alla scuola
(comprende la pratica del foglio rosa, il corso teorico che viene svolto dal lunedì al giovedì dalle ore 19.00 alle ore 20.00 e la prenotazione dell’esame)
€ 350,00
Il C.A.P. di tipo “C” è stato sostituito dal 10.9.2009 dalla Carta di Qualificazione Conducente per il trasporto di merci (C.Q.C.)
Il C.A.P. di tipo “D” è stato sostituito dal 10.9.2008 dalla Carta di Qualificazione Conducente per il trasporto di persone (C.Q.C.)
I titolari di C.A.P. tipo “D” conseguito prima della data del 10.9.2008 potranno convertirlo nella C.Q.C. senza obbligo di frequentare il corso di formazione iniziale e l’esame di valutazione.
Le visite mediche si effettuano in sede il MARTEDI alle ore 18,30 ed il VENERDI’ alle ore 17,30. Il costo del certificato è di € 30,00. L’allievo dovrà  fornire una marca da bollo da € 16,00 da apporre sulla visita medica, un certificato anamnestico fatto dal medico di famiglia, quattro foto tessera , un   documento di  riconoscimento  valido ed  il codice  fiscale. Per i cittadini extracomunitari é richiesta inoltre l’esibizione del permesso di soggiorno o carta di soggiorno in corso di validità. Tale documento dovrà essere esibito in originale anche in occasione dell’esame di teoria e di guida.
Ai prezzi va aggiunta l’IVA e l’arrotondamento all’euro superiore (a partire dal 01.01.2020).

VALIDITA’ TARIFFA: 10 GIORNI DALLA DATA DI STAMPA –

Articoli recenti

ANCHE LE AUTOSCUOLE SONO SOGGETTE AD IVA ! (MA DAL 01/01/2020)

image_pdfimage_print

Caos patenti, l’Europa impone l’Iva

Fino a inizio settembre per l’Italia e il fisco nostrano erano scuole, e quindi esenti da Iva. Dal 2 settembre invece, data della risoluzione 79 dell’Agenzia delle Entrate, non è più così e quindi anche le scuole guida dovranno incassare e versare l’Iva, al 22%. Motivo, la sentenza della Corte di Giustizia Europea, in risposta al ricorso presentato da un’autoscuole tedesca. Una vera e propria stangata, che ha già costretto le agenzie italiane a rivedere i prezzi per far fronte alla tassa, con costi in aumento quindi per tutti coloro che si iscrivono per fare una patente.

Iva retroattiva fino al 2014

La stangata non riguarderà solo i neoiscritti e chi dovrà fare il rinnovo della patente. L’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che le scuole guida dovranno versare l’Iva arretrata fino al 2014, relativa a tutte le patenti e i corsi effettuati. E qui si aprono due strade: o andare a bussare ai cittadini per recuperare le somme o obbligare le scuole guida a versare di tasca propria l’Iva non riscossa (e nemmeno richiesta dall’Agenzia delle Entrate) negli ultimi 5 anni. Somme vertiginose: l’Unasca, una delle associazioni di categoria del settore, ha stimato i costi in almeno 110mila euro a scuola guida, che porterebbero al collasso l’intero settore.

  1. SELEZIONI CHIUSE – CERCHIAMO PERSONALE !! Lascia una risposta
  2. Patenti low cost: occhio alla fregatura Lascia una risposta
  3. Sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi Lascia una risposta
  4. FALSO SITO INTERNET PER LA VERIFICA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE R.C. AUTO Lascia una risposta
  5. INDAGINE SULLE POLIZZE ABBINATE AI FINANZIAMENTI PER L’ACQUISTO DI AUTOVEICOLI Lascia una risposta
  6. E’ ora di cambiare l’Amministratore di condominio ? Lascia una risposta
  7. Riapriamo con lo sconto ! Patenti A1 e B in promo sino al 15 settembre Lascia una risposta
  8. Chiusura per ferie anno 2017 Lascia una risposta
  9. Bonus ristrutturazione anche per chi non ha redditi Lascia una risposta