Promotore Finanziario Consulente

image_pdfimage_print

CONSULENTE FINANZIARIO ABILITATO ALL’OFFERTA FUORI SEDE

ocf

In Italia, ai sensi dell’art. 31 del Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, viene indicato come promotore finanziario la persona fisica che, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente l’offerta fuori sede di strumenti finanziari e di servizi di investimento ovvero l’unica figura professionale che in rappresentanza di un intermediario abilitato, cioè di una banca, di una società di intermediazione mobiliare (SIM) o di una società di gestione del risparmio (SGR), può svolgere nei confronti dei risparmiatori attività di promozione e collocamento di strumenti finanziari e servizi d’investimento in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell’intermediario per il quale opera.

 

VISURA TRATTA DALL’ OCF

Nome: MASSIMO

Cognome: PAPI

Data Nascita: 06/05/1966

Luogo Nascita: ROMA (ROMA)

Sezione Territoriale: SEZIONE I – ROMA

Stato Attuale: ISCRITTO

Ultima data Iscrizione: 18/04/2000 con Delibera N° 12492

INTERMEDIARIO CORRENTE :

Non presente

*

Per effetto della Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di Stabilità) in vigore dal 1° gennaio 2016 l’Organismo per la tenuta dell’Albo dei Promotori Finanziari (APF) ha assunto la nuova denominazione di “Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei Consulenti Finanziari” in breve “OCF”. In base alla stessa normativa l’appellativo “promotori finanziari” è stato modificato in “consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede”.

Articoli recenti

ANCHE LE AUTOSCUOLE SONO SOGGETTE AD IVA !

image_pdfimage_print

Caos patenti, l’Europa impone l’Iva

Fino a inizio settembre per l’Italia e il fisco nostrano erano scuole, e quindi esenti da Iva. Dal 2 settembre invece, data della risoluzione 79 dell’Agenzia delle Entrate, non è più così e quindi anche le scuole guida dovranno incassare e versare l’Iva, al 22%. Motivo, la sentenza della Corte di Giustizia Europea, in risposta al ricorso presentato da un’autoscuole tedesca. Una vera e propria stangata, che ha già costretto le agenzie italiane a rivedere i prezzi per far fronte alla tassa, con costi in aumento quindi per tutti coloro che si iscrivono per fare una patente.

Iva retroattiva fino al 2014

La stangata non riguarderà solo i neoiscritti e chi dovrà fare il rinnovo della patente. L’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che le scuole guida dovranno versare l’Iva arretrata fino al 2014, relativa a tutte le patenti e i corsi effettuati. E qui si aprono due strade: o andare a bussare ai cittadini per recuperare le somme o obbligare le scuole guida a versare di tasca propria l’Iva non riscossa (e nemmeno richiesta dall’Agenzia delle Entrate) negli ultimi 5 anni. Somme vertiginose: l’Unasca, una delle associazioni di categoria del settore, ha stimato i costi in almeno 110mila euro a scuola guida, che porterebbero al collasso l’intero settore.

  1. SELEZIONI CHIUSE – CERCHIAMO PERSONALE !! Lascia una risposta
  2. Patenti low cost: occhio alla fregatura Lascia una risposta
  3. Sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi Lascia una risposta
  4. FALSO SITO INTERNET PER LA VERIFICA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE R.C. AUTO Lascia una risposta
  5. INDAGINE SULLE POLIZZE ABBINATE AI FINANZIAMENTI PER L’ACQUISTO DI AUTOVEICOLI Lascia una risposta
  6. E’ ora di cambiare l’Amministratore di condominio ? Lascia una risposta
  7. Riapriamo con lo sconto ! Patenti A1 e B in promo sino al 15 settembre Lascia una risposta
  8. Chiusura per ferie anno 2017 Lascia una risposta
  9. Bonus ristrutturazione anche per chi non ha redditi Lascia una risposta