Preventivo condominio stampa (copia)

image_pdfimage_print

 

Papi Servizi S.r.l. – Via Casilina, 1782 – 00132 Roma
Tel./Fax: 0620761136 – mail: condomini@papiservizi.com pec: infopec.papiservizi.com
C.F./P.Iva 13694751002 – Rea: RM 1466095 – Professione esercitata ai sensi della Legge 14 gennaio 2013, n.4 (G.U. n. 22 del 26.1.2013)


La Legge 220/2012 “c.d. Riforma del Condominio” ha riscritto le regole sulla “proprietà comune”, l’Amministratore professionista dovrà avere requisiti di onorabilità e qualità morali, pena la revoca del mandato: assenza di precedenti reati contro il patrimonio, non deve essere stato sottoposto a misure di prevenzione e non deve risultare protestato; dovrà avere anche dei requisiti professionali (fino ad oggi NON richiesti), ovvero, un diploma di scuola media di secondo grado e aver sostenuto un corso di formazione ad hoc seguito da corsi di aggiornamento professionale.

Non cadete in mani inesperte, non affidatevi a condomini volenterosi improvvisati amministratori, diffidate di coloro che chiedono compensi bassi,

AFFIDATEVI A DEI PROFESSIONISTI ISCRITTI A.N.AMM.I n. 9189

L’ A.N.AMM.I Associazione Nazional-europea AMMinistratori d’Immobili, associazione di categoria certificata UNI EN ISO 9001:2000 che prevede per i suoi iscritti corsi obbligatori con esame finale e rilascio di attestato, master di specializzazione e stages di aggiornamento. L’associazione garantisce i suoi iscritti con una polizza di responsabilità civile professionale a tutela dei condomini amministrati.

I nostri uffici sono aperti dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.30 dal lunedì al venerdì, nessun risponditore o segreteria telefonica, ma un contatto diretto e immediato con personale addestrato a rispondere a qualsiasi necessità.

Non tolleriamo ritardi nei pagamenti delle rate condominiali, e per questo, salvo situazioni particolari, ci avvaliamo del nostro legale (presente in sede) anche con ricorso a decreto ingiuntivo.

 

Sicurezza, trasparenza e tracciabilità: i pagamenti dei condomini dovranno essere eseguiti esclusivamente tramite canali bancari e/o postali direttamente sul conto corrente intestato al condominio, giustificativi di spesa sempre disponibili.

 

Sito internet dove potete vedere la contabilità, i documenti, le scadenze, gli avvisi ; sala delle riunioni; consulenza legale con Avvocato patrocinante in Cassazione; polizza di responsabilità civile professionale.

 

Se volete il nostro Centro Servizi amministratore del Vs. condominio stampate questo foglio e fatelo firmare dal presidente e dal segretario in occasione della prima assemblea con all’ordine del giorno la nomina dell’amministratore, trascrivendo sul verbale d’assemblea la seguente dicitura:

“Viene nominato amministratore Papi Servizi S.r.l. nella persona di Papi Massimo. Il compenso viene stabilito come indicato nell’allegato sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.”

Preventivo condominio:           Tipologia condominio:
Piani: Appartamenti: Cantine: Box:
Magazzini: Posti auto: Negozi: Riscaldamento:
Ascensore: Dipendenti:
Corrispettivo per la tenuta della gestione ordinaria del primo anno o frazione di anno (esclusa iva). In quanto società non si applica il 4% di cassa previdenza, con conseguente risparmio per il condominio. L’ importo richiesto deve intendersi aumentato del 20% se l’ immobile è soggetto a certificato di prevenzione incendi da parte dei vigili del fuoco. €: 0,00
Cosa comprende la gestione ordinaria e competenze extra
Tenuta registro cassa e libro assemblee, rapporti con i condomini, emissione avvisi di pagamento in quattro rate, redazione consuntivo, preventivo riparti e stato patrimoniale, una assemblea ordinaria annuale da tenersi entro sei mesi dalla scadenza della gestione, pagamenti dei fornitori,  cura esecuzione lavori ordinaria manutenzione, creazione di un fondo cassa una tantum (obbligatorio), in presenza di gravi morosità creazione di un fondo “condomini morosi”.
Competenze extra iva esclusa: gestioni straordinarie 3% dell’importo dei lavori, per ogni assemblea oltre la prima € 100,00, per solleciti di pagamento € 10,00 (da addebitare al condomino inadempiente), adempimenti fiscali, mod. 770, C.U.  € 150,00.

Roma, Validità preventivo: 60 giorni dalla data di emissione. Ci riserviamo di accettare l’incarico dopo la nostra presa visione della documentazione condominiale.

Per accettazione:

IL PRESIDENTE                                                                              IL SEGRETARIO
____________________________                                               ____________________________

Attenzione !!!

Questa pagina richiede il supporto Javascript per essere visualizzata correttamente.

Articoli recenti

IVA AUTOSCUOLE: estesa anche alle patenti AM, A1, A2, A

image_pdfimage_print

AGGIORNAMENTO DEL 2.1.2021
a seguito delle comunicazioni intercorse con l’Agenzia delle Entrate e del parere da loro dato, nostro malgrado, siamo costretti ad applicare l’IVA anche sulle patenti di categoria AM, A1, A2, A, a decorrere da questo anno.

AGGIORNAMENTO del 02.1.2020:

a seguito dell ART 32 COMMA 2 DECRETO LEGGE 124/2019 Adeguamento a sentenza della Corte di Giustizia UE del 14 marzo 2019, causa C-449/17, l’IVA si applichera’ “solamente” alle patenti di guida di categorie B e C1. Tutti gli altri tipi di patente sono esentati. E’ stato anche chiarito che l’IVA non sarà retroattiva !!

 

Caos patenti, l’Europa impone l’Iva

Fino a inizio settembre per l’Italia e il fisco nostrano erano scuole, e quindi esenti da Iva. Dal 2 settembre invece, data della risoluzione 79 dell’Agenzia delle Entrate, non è più così e quindi anche le scuole guida dovranno incassare e versare l’Iva, al 22%. Motivo, la sentenza della Corte di Giustizia Europea, in risposta al ricorso presentato da un’autoscuole tedesca. Una vera e propria stangata, che ha già costretto le agenzie italiane a rivedere i prezzi per far fronte alla tassa, con costi in aumento quindi per tutti coloro che si iscrivono per fare una patente.

Iva retroattiva fino al 2014

La stangata non riguarderà solo i neoiscritti e chi dovrà fare il rinnovo della patente. L’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che le scuole guida dovranno versare l’Iva arretrata fino al 2014, relativa a tutte le patenti e i corsi effettuati. E qui si aprono due strade: o andare a bussare ai cittadini per recuperare le somme o obbligare le scuole guida a versare di tasca propria l’Iva non riscossa (e nemmeno richiesta dall’Agenzia delle Entrate) negli ultimi 5 anni. Somme vertiginose: l’Unasca, una delle associazioni di categoria del settore, ha stimato i costi in almeno 110mila euro a scuola guida, che porterebbero al collasso l’intero settore.

  1. Patenti low cost: occhio alla fregatura Lascia una risposta
  2. Sottoscrizione tramite internet di contratti assicurativi Lascia una risposta
  3. FALSO SITO INTERNET PER LA VERIFICA DELLE COPERTURE ASSICURATIVE R.C. AUTO Lascia una risposta
  4. E’ ora di cambiare l’Amministratore di condominio ? Lascia una risposta
  5. Riapriamo con lo sconto ! Patenti A1 e B in promo sino al 15 settembre Lascia una risposta
  6. Bonus ristrutturazione anche per chi non ha redditi Lascia una risposta
  7. Visti di conformità e deleghe di pagamento –Polizze R.C.P. dei ragionieri/ commercialisti Lascia una risposta
  8. Minacce cyber in continua evoluzione, assicurati con i Loyd’s di Londra Lascia una risposta
  9. Dagli odori della cucina agli animali …… Lascia una risposta